Il futuro non ha genere: 
la strategia dei brand per la Next Gen

9 Ottobre 2020

La diversità non è un concetto di gender: non è uno slogan, ma è la consapevolezza emersa quando la Gen Z ha squarciato il velo di Maya sulla futura concezione dell’essere umano. La società è estremamente variegata, un caleidoscopio di forme e colori: la Next Gen non è disposta a fingere che non sia così.

La sfera sociale sta annullando le disuguaglianze di genere e continua a evolversi, così come i nuovi consumatori della Gen Z con essa, ma anche le strategie di marketing esaminano cosa sta cambiando: dal targeting alla pubblicità, dalle esperienze di vendita alla comunicazione. E noi, che siamo un’agenzia Gen Z lo sappiamo molto bene!

Il marketing starà al passo?

Con questa nuova generazione di consumatori, il marketing è incentrato sulla fiducia e l’autenticità; quindi se i brand vorranno fare appello a loro dovranno costruire una lealtà che duri nel tempo, magari navigando in acque inesplorate all’inizio.

Non è più solo una questione di campagne virtuose, ma un fatto di credibilità: la Next Gen è più attenta alla storia del brand, ai suoi valori, alla sua missione, così tanto da far quasi passare in secondo piano il prodotto, o da essere pronta a sganciarsi dalle scelte da monopolio, diversificando i desideri e quindi gli acquisti.

Due dati da considerare:

  • La Gen Z attualmente rappresenta il 20% della popolazione degli Stati Uniti.
  • La Gen Z gestisce già da ora fino a $ 143 miliardi* di potere d’acquisto negli Stati Uniti.
    *FONTE: Twitter @barkleysus

Gender e Gen Z: pro Social (responsibility)

La loro fruizione (responsabile) dei Social Network e della comunicazione che ne filtra le piattaforme è veloce e frenetica, ma sincera e autentica. Non rappresenta uno svago da tempo libero ma è l’agorà all’interno del quale sincronizzarsi con gli affetti, con i coetanei, con le amicizie, con gli amori condividendo le opinioni e i messaggi in modo costruttivo e pro-attivo.

La Generazione Z è completamente diversa dalle generazioni precedenti: è una coorte più diversificata, frugale, affamata di conoscenza e formazione personale. Per questo motivo i brand dovranno lavorare sodo per ottenere la loro fiducia.

Circolo virtuoso

Sposando il cambiamento in modo autentico e non solo interpretando un brief strategico per mettere a terra una fredda e distaccata strategia, ecco chi è già partito ad affrontare il tema Gender all’interno delle proprie strategie di comunicazione, abbracciandone i valori e sposandone la mission:

  • Google ha rilasciato nuove emoji di gender neutro, che presentano personaggi con capelli di media lunghezza e nessun altro identificatore di genere
  • Lyft, start-up americana di mobility competitor di Uber, ha aggiornato la sua app per consentire ai passeggeri di selezionare quello più adatto da un elenco di pronomi desiderati durante il viaggio

Cimiciurri - Gender

  • Target ha scelto di adottare spogliatoi senza distinzione di genere per i clienti e offre in vendita giocattoli e vestiti di gender neutro

Cimiciurri - Gender 2

  • Sephora ha costruito un video di campagna dal pay-off “Identify as We”, scegliendo modelli transgender, portatori di handicap, non binari o di etnie differenti.
  • Tinder amplierà da tre (uomo, donna, trans) a 29, le opzioni per definire il proprio genere. Mentre il numero degli orientamenti sessuali salirà a nove: oltre a eterosessuale e omosessuale entrano in campo anche bisessuale, asessuale, demisessuale, pansessuale, queer e incerto.

Cimiciurri - Gender 3

Gender: non una moda, ma comunicazione del futuro

All’interno di questo ecosistema quali sono le peculiarità della Gen Z con le quali i brand devono avere a che fare nel momento in cui scelgono le loro strategia di comunicazione?

  • Esplorare contenuti interattivi
  • Conoscere, e non usare, gli influencer
  • Sposare la brevitas dei formati
  • Essere sempre autentici
  • Far emergere la responsabilità sociale
  • Non scambiare la Gen Z con i Millennials

Momento #throwback riflessivo::

Nel 1997 Coca Cola comunicava così… ai giorni nostri comunica così.

Ne è passata di acqua sotto ai ponti: l’ampliamento dello spettro di genere non è una tendenza, si tratta di elevare la rappresentazione dei concetti comunicativi, normalizzando le esperienze e creando relazioni e realtà migliori per tutti nostri consumatori, non solo per la Next Gen.

Via Panzeri, 10
20123 Milano
02 36581412

Il futuro non ha genere: 
la strategia dei brand per la Next Gen

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter per aggiornarti sullo scenario Next Gen e sulle novità di Cimiciurri

Via Panzeri, 10
20123 Milano
02 36581412

Il futuro non ha genere: 
la strategia dei brand per la Next Gen

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter per aggiornarti sullo scenario Next Gen e sulle novità di Cimiciurri

Via Panzeri, 10
20123 Milano
02 36581412

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter per aggiornarti sullo scenario Next Gen e sulle novità di Cimiciurri

© cimiciurri 2020 – Registro delle imprese di Milano | REA MI – 1761896 | Capitale Sociale € 10.000 i.v. | Iscrizione CCIAA Milano 04629110968 | Tel. +39 02 36581 412 | Fax. +39 02 36581 401 | Mail: discovernextgen (at) cimiciurri.it | PEC: amministrazione (at) pec.cimiciurri.it | Privacy